San Giovanni Rotondo

I luoghi di Padre Pio

CENNI STORICI
Su di un piccolo monte, a circa 40 Km da Foggia, sorge San Giovanni Rotondo piccolo centro agricolo probabilmente abitato sin dall'età preistorica.
L'attuale paese di San Giovanni Rotondo fu fondato nel secolo XI dagli abitanti di Castel Pirgiano in un luogo ricco di acque sorgive e sulla strada battuta dai pellegrini diretti alla grotta dell'Arcangelo.


San Giovanni Rotondo casale di proprietà dei benedettini, fu ceduto nel 1220 a Federico II che lo cinse di mura.
Da oltre 50 anni San Giovanni Rotondo è meta di pellegrini da tutto il mondo per la presenza del Convento in cui Padre Pio da Pietralcina visse e ricevette le sacre stimmate. Il frate cappuccino Francesco Forgione salì per la prima volta al convento di San Giovanni Rotondo nel Luglio del 1916. Il paesino era isolato dal resto del mondo, il luogo giusto per la meditazione e la preghiera. Due anni dopo, il 20 Settembre del 1918, davanti a un grande crocifisso, nel coro della piccola Chiesa del convento di San Giovanni Rotondo, padre Pio ricevette le stimmate: mani, piedi e costato. Per più di cinquant'anni portò sul suo corpo quei segni che qualcuno riteneva mistificazione, molti altri anno visto come specialissimo segno della presenza di Dio in quel frate.
Nel 1940 espresse il desiderio di costruire un grande ospedale vicino al convento e qualche anno più tardi dette inizio al movimento dei gruppi di preghiera: le due iniziative nacquero, crebbero e prosperano con la sua benedizione. La Casa sollievo della Sofferenza fu inaugurata il 5 Maggio 1956, i gruppi di preghiera ricevettero una indiretta approvazione da parte delle autorità ecclesiastiche il 31 Luglio 1968.
Il suo nome è conosciuto in tutto il mondo, Di lui si raccontano innumerevoli fatti straordinari.
Fra le molte testimonianze che le commissioni ecclesiastiche ne hanno esaminato una di rilievo, quella dell'allora Vescovo di Cracovia, Karol Wojtyla: in una prima lettera raccomandava a padre Pio una donna gravemente ammalata; qualche mese dopo, gli scriveva per comunicargli l'avvenuta, incredibile guarigione ottenuta grazie all' intercessione del cappuccino di San Giovanni Rotondo. Nel corso di una sua visita in Puglia, Papa Giovanni Paolo II si è recato in preghiera sulla tomba di padre Pio, sostandovi a lungo, in profonda meditazione. Una voce insistente aggiunge che, quando era seminarista, il giovane Karol incontrò padre Pio che gli predisse due eventi: la sua ascesa al pontificato e l'attentato che ne avrebbe insanguinato il bianco abito.
Centinaia di volumi pubblicati in tutte le lingue del mondo ricordano i passati dell'umile frate di Pietralcina: i suoi motti, le sue lettere ai figli spirituali, le meditazioni, il ricordo dei suoi miracoli.
Persino durante la seconda guerra mondiale, piloti inglesi, americani e polacchi (fra i quali anche protestanti o ebrei), hanno dichiarato che, mentre sorvolavano il Gargano in diverse missioni, avevano visto un frate con le mani insanguinate che li invitava a non bombardare la montagna sacra. Qualcuno, a guerra finita, andò a San Giovanni Rotondo e riconobbe in padre Pio quel misterioso frate. Si ricorda che, per la costruzione dell'ospedale, padre Pio raccomandava severo: "Niente debiti, nemmeno una lira. Se non ci sono i soldi, i lavori si fermano." E fu così che i lavori non si sono mai fermati, grazie alle tantissime offerte arrivate da ogni parte del mondo. Oggi questo grande ospedale, fra i più attrezzati d'Europa, si sono affiancate opere per anziani, handicappati e bambini bisognosi: un fiorire di iniziative che trova alimento nel sempre rinnovato fascino di questo frate semplice, umile e grande al tempo stesso.

IL SANTO

  • Nacque il 25 maggio 1887 a Pietrelcina, dagli umili contadini Grazio Forgione e Maria Giuseppa De Nunzio, in Vico Storto Valle n. 27, in una piccola stanza dell'antico borgo chiamato Castello. Il giorno successivo (26 maggio 1887), con il nome di Francesco, viene battezzato nella Chiesa di Sant'Anna dall'economo curato Don Nicolantonio Orlando.
  • Il 27 settembre 1899 riceve la Prima Comunione e la Cresima.
  • Il 6 gennaio 1903 entra nel noviziato di Morcone (Bn)e, il 22 gennaio dello stesso anno, veste l'abito dei Cappuccini diventando Fra Pio da Pietrelcina.
  • Il 22 gennaio 1904 fa la professione dei voti semplici e tre giorni dopo inizia gli studi di "rettorica" a S. Elia a Pianisi. Nei primi mesi del 1909 torna a Pietrelcina seriamente malato rimanendoci a lungo.
  • Il 10 agosto 1910 viene ordinato sacerdote nel Duomo di Benevento, celebrando la Sua Prima Messa nella Chiesa Parrocchiale di Pietrelcina il 14 agosto 1910. Nel corso di quell'anno avverte dei dolori in corrispondenza di quei punti del corpo nei quali, il 20 settembre 1918, appariranno le stigmate.
  • Il 7 Settembre 1910, secondo la sua stessa testimonianza, a Piana Romana riceve i primi segni visibili delle stimmate.
  • Il 10 ottobre 1915 rivela di subire da anni la flagellazione e la coronazione di spine.
  • Il 6 novembre 1915 è chiamato alle armi, terminato in anticipo a causa della "broncoalveolite doppia agli apici polmonari" per cui viene riformato.
  • Il 4 settembre 1916 lascia per sempre la Sua Pietrelcina: mandato al Convento di S. Giovanni Rotondo sul Gargano, vi rimane fino alla morte.
  • Il 3 gennaio 1929 muore la madre e l'8 ottobre 1946 muore il padre.
  • Il 19 maggio dell'anno successivo iniziano i lavori per la costruzione dell' ospedale Casa Sollievo della Sofferenza da Lui voluto, inaugurato il 5 maggio 1956 nel giorno di S. Pio.
  • Il 22 settembre 1968 alle 5 del mattino il Padre, stanco e sofferente, celebra la sua ultima Messa. Alle 6 di sera benedice per l'ultima volta i suoi fedeli in chiesa.
  • Il 23 settembre 1968 muore alle ore 2.30, assistito dai suoi confratelli, con la corona del santo Rosario in mano e con Gesù!..., Maria!... sulle labbra.
  • Il 20 marzo 1983 apertura ufficiale del processo di beatificazione.
  • Il 23 maggio 1987, in occasione del centenario della sua nascita, il Santo Padre Papa Giovanni Paolo II si è recato a S. Giovanni Rotondo per pregare sulla tomba dell'umile frate e il 18 dicembre 1997 il Santo Padre, riconoscendo l'eroicità delle virtù da Lui praticate in vita, proclama la Sua Venerabilità.
  • Il 23 settembre 1998 viene emesso il francobollo commemorativo di Padre Pio da Pietrelcina.
  • Il 21 dicembre 1998 Il Santo Padre, Papa Giovanni Paolo II, firma il documento che certifica la natura miracolosa di una guarigione attribuita all'intercessione di Padre Pio e, il 2 maggio 1999, Padre Pio da Pietrelcina è proclamato Beato dal Santo Padre in Piazza S.Pietro a Roma, alla presenza di migliaia di devoti giunti da ogni parte del mondo.
  • Il 16 giugno 2005, sempre in piazza S. Pietro e sempre da Papa Giovanni Paolo II è proclamato Santo, come San Pio da Pietrelcina. La sua festa liturgica viene celebrata il 23 settembre.